loading

Show info
ZampaSuZampa Onlus

Published Marzo 11, 2019

Perché la Processionaria è pericolosa per il cane?

Purtroppo, chi vive in posto boschivi dove pini e querce la fanno da padrone, avrà sicuramente visto questo insetto e conosce questo fastidioso problema.

Questo insetto infatti, colpisce sopratutto querce e pini molto giovani (ma non disdegna noccioli, faggi e cedri) desfogliando e portando alla morte dell’albero.

Nidi di processionaria

Questo strano insetto viene appunto chiamato “processionaria” perchè nello stato di bruco si muove in fila indiana, legata al altri bruchi, come se fosse una processione.

Ed è proprio allo stato di bruco che la processionaria diventa pericolosa per i cani, in quanto l’intero corpo è ricoperto di peli urticanti.

I peli urticanti

QUALI SONO I PERIODI DI MAGGIOR RISCHIO?

Da marzo in poi con l’arrivo della primavera ci sono buone probabilità di incontrarla, sicuramente fino alla fine di aprile.

CHE EFFETTI HA LA PROCESSIONARIA?

Se il vostro cane dovesse venire a contatto con la processionaria i sintomi sono infatti piuttosto immediati. Il primo è l’improvvisa e intensa salivazione, a cui fa spesso seguito una forte tosse e il tentativo di vomitare, ne consegue che la lingua si ingrossa notevolmente (capita che si ingrossi a tal punto da soffocare l’animale) e inizia il processo di necrosi della parte che è venuta a contatto con il bruco, con la conseguente perdita di porzioni di lingua. I peli urticanti infatti causano una distruzione del tessuto cellulare e in casi gravi può comportare la perdita di porzioni di lingua

gli effetti della processionaria

COME AIUTARE IL CANE

I primi soccorsi sono necessari per rimuovere rapidamente i peli residui: lavare quaindi la bocca del cane con acqua abbondante e portarlo immediatamente da un veterinario.

I DANNI ALL’UOMO

Le processionarie se toccano la pelle creano un forte effetto urticante; la situazione peggiore si verifica nel caso in cui i peli siano inalati attraverso la respirazione, con gravi problemi alla bocca, all’esofago e ai polmoni. Visto che i nidi sono posti in alto sulla chioma degli alberi, quando le processionarie fanno cadere i peli possono causare una vera e propria pioggia di minuscoli aghi urticanti, che colpisce chiunque si trovi sotto l’albero in questione. Chi soffre di sensibilità alle sostanze presenti su questi peli o di particolari allergie può avere fastidi maggiori.

, , , , , , , , , , , ,

Sara De Sabata